Oggi 9 settembre de Magistris e Conia a Gioia Tauro e a Polistena: “Basta con la devastazione della Piana di Gioia Tauro”.

72

Una mattinata di sensibilizzazione su due temi fondamentali, ambiente e salute, quella voluta dai due esponenti di Unione Popolare, per dire basta alla devastazione della Piana e chiedere una volta per tutte interventi nel rispetto dell’ambiente e per la salute delle persone.

De Magistris e Conia faranno una visita alle 11,30 all’inceneritore di Gioia Tauro e alle 12,30 all’ospedale di Polistena perché – spiegano – in un territorio già sovraccarico di infrastrutture altamente inquinanti e che soffre una grave carenza di strutture sanitarie, è arrivato il momento di fare chiarezza e prendere impegni precisi.

“Verranno tutti, faranno le solite promesse e se ne andranno. Ma non ci si può ricordare della Piana di Gioia Tauro solo per le elezioni e poi usarla come pattumiera della Calabria. Sono anni che aspettiamo l’ospedale Unico della Piana, che lottiamo per il potenziamento dell’ospedale di Polistena, contro l’inceneritore e il rigassificatore, che chiediamo soluzioni ecosostenibili, ma l’unica soluzione che hanno trovato è riempirci di diossina” afferma Michele Conia.

“L’emergenza è utile per aggirare le procedure, per quel sottobosco di malaffare che lucra sulla pelle delle persone. Bisogna normalizzare la situazione e avviare una gestione avanzata e trasparente delle necessità di un territorio che ha grandi potenzialità di sviluppo, grazie al porto, al turismo  e all’agroalimentare di qualità. Non è più tempo di promesse: serve un lavoro serio e responsabile” precisa Luigi de Magistris.

Sarà l’occasione, dicono i due esponenti di Unione Popolare, per presentare due punti fondanti del programma della nuova compagine che, dopo aver raccolto 60.000 mila firme durante la settimana di Ferragosto, sarà presente alle prossime elezioni politiche del 25 settembre.

Articolo precedente Scilla, “la ‘ndrangheta gestiva le concessioni dei lidi”. Misure cautelari per 22 persone. La Cgil e la Filcams Reggio Calabria – Locri esprimono plauso per il lavoro svolto dalle forze dell’ordine e l’urgenza di un’azione concertata per liberare il mondo del lavoro e degli enti pubblici dalle infiltrazioni mafiose.
Articolo successivoScoperti furbetti del reddito di cittadinanza: denunciati in 12 a Giffone e Molochio