Operazione antimafia- 20 arresti tra Lombardia, Emilia Romagna e Calabria

Venti arresti, (16 in carcere, 4 ai domiciliari) e 2 obblighi di dimora, durante l’operazione antimafia eseguita dai Carabinieri nelle province di Monza e Brianza, Como, Lecco, Reggio Emilia, Macerata, Reggio Calabria.
Le accuse, a vario titolo, sono associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione e acquisizione indebita di esercizi pubblici, tutti reati commessi con l’utilizzo del metodo mafioso nonché detenzione e porto abusivo di armi ed associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.
Le indagini del Nucleo Investigativo dell’Arma monzese e dei militari della Compagnia di Cantù e coordinate dalla Dda di Milano, hanno consentito di documentare la presenza sul territorio di una nota famiglia di ‘ndrangheta originaria del vibonese in continua espansione sia in Brianza che all’estero (Germania, Spagna e Svizzera). Accertata dai carabinieri un’azione di comando e controllo nei confronti della popolazione attraverso comportamenti tali da incutere timore ed omertà.