Professore ucciso a scuola: fermato collaboratore scolastico

238

La Procura di Napoli Nord, coordinata dal procuratore Maria Antonietta Troncone, ha sottoposto a fermo un collaboratore scolastico nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Marcello Toscano, l’insegnante di sostegno di 64 anni trovato senza vita dai carabinieri in un’aiuola della scuola “Marino Guarano” di Melito, nel Napoletano. All’uomo – lungamente ascoltato dagli inquirenti – viene contestato il reato di omicidio.

Nei confronti del collaboratore scolastico sarebbero emersi gravi indizi di colpevolezza. Il provvedimento – scattato dopo un lungo interrogatorio nella caserma dei carabinieri, durante il quale non ha fatto ammissioni- è stato emesso anche per evitare che stamattina si potesse recare al lavoro.

Secondo quanto si è appreso il motivo del delitto non sarebbe riconducibile a dissidi emersi tra i due nell’ambito lavorativo. Le indagini escludono anche questioni sentimentali oppure collegate al ruolo politico svolto dal docente. Gli inquirenti si stanno concentrando piuttosto su vicende che riguardano strettamente la vittima e il suo presunto assassino e si ipotizzano motivi legati a questioni economiche. L’uomo è già in carcere, a Poggioreale.

Il corpo della vittima è stato scoperto la sera del 27 settembre in un cespuglio, dietro una casupola, nel perimetro della scuola dove insegnava. I carabinieri hanno trovato i segni di diverse coltellate e tracce ematiche, forse anche dell’assassino. Altre tracce sono state repertate proprio nella casupola.

 

Articolo precedente Maltratta e picchia la compagna – allontanato da casa
Articolo successivoIl sindaco sospeso Manna torna in libertà: annullata ordinanza