Reggio Calabria, arrestati in flagranza due ladri

Nel corso della nottata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria sono stati impegnati in un servizio di controllo straordinario del territorio nel centro di Reggio Calabria, il servizio finalizzato a garantire la tranquillità per i cittadini anche nel periodo delle festività, momento dell’anno in cui in molti si allontanano dalle proprie abitazioni per raggiungere i propri familiari in altre parti d’Italia. Per far fronte alla particolare esigenza il Comando Provinciale di Reggio Calabria ha disposto una intensificazione dei servizi di controllo del territorio in particolare nelle fasce orarie reputate più sensibili sotto il profilo della sicurezza pubblica, in quest’ambito sono state impegnate decine di pattuglie sull’intero territorio cittadino avvalendosi anche dell’ausilio di militari della Compagnia di Intervento Operativo di Palermo. Il dispiegamento di uomini e mezzi ha consentito un di sorprendere due  ladri in azione, subito dopo aver portato a compimento un colpo all’interno di un’abitazione. In questo caso un ausilio è giunto dai cittadini i quali svegliati nel corso della notte da insoliti rumori, immediatamente hanno contattato il la Centrale Operativa del Comando Provinciale sull’utenza 112. Il militare di turno compresa la particolare delicatezza e soprattutto che si potesse trattare di ladri in azione, ha inviato due gazzelle dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia cittadina. Solo grazie al tempestivo e coordinato intervento dei militari si è riusciti a bloccare due giovani che già all’esterno dell’abitazione si stavano allontanando portando al seguito un sacco. I militari eseguita la perquisizione hanno rinvenuto dei dispositivi elettronici quali consolle per Play Station e lettore dvd, materiale sulla cui provenienza i due non hanno saputo fornire una convincente spiegazione, né tantomeno appariva giustificabile il possesso di un cacciavite, prendeva corpo quindi l’ipotesi che si trattasse di due ladri e che il materiale l’avessero asportato. Questo elemento da solo pero’ non era sufficiente ad incastrare i due malfattori, per questo motivo i militari hanno proceduto ad ispezionare tutti gli appartamenti di una vicina palazzina. Solo a seguito di una accurata ricerca veniva individuato un appartamento che presentava il portone d’ingresso aperto con un evidente segno di effrazione compatibile con il cacciavite di cui i due erano stati trovati in possesso. All’interno dell’abitazione i militari non riscontravano la presenza dei proprietari constatando solamente il gran disordine sintomo evidente che vi era stata la visita di ladri. Solo a seguito della telefonata da parte dei militari ai proprietari che in quel momento si trovavano fuori Reggio a godersi qualche giorno di vacanza, si aveva la certezza che i due giovani bloccati erano i responsabili del furto all’interno di quell’appartamento, i proprietari, infatti, descrivevano con dovizia di particolari gli oggetti di loro proprietà che guarda caso corrispondevano a quelli rinvenuti dai carabinieri dell’Aliquota Radiomobile. A questo punto, raccolti tutti gli elementi i due giovani:

–          TORNATOLA GIOVANNI, trentunenne, con precedenti, di Reggio Calabria;

–          SICLARI ANTONINO, venticinquenne con precedenti di Reggio Calabria;

venivano tratti in arresto nella flagranza del delitto di furto in abitazione.

La refurtiva sarà restituita ai legittimi proprietari quando torneranno dalle vacanze.