Segnale di ribasso su rete carburanti

596

Con le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo che hanno chiuso ieri in discesa, oggi arriva un segnale di ribasso anche sulla rete carburanti: è Eni che taglia di 5 centesimi i prezzi raccomandati di benzina e diesel.

I prezzi praticati sul territorio dei due carburanti, in attesa di recepire l’intervento, continuano però a salire leggermente a valle dei rialzi della scorsa settimana. Proseguono gli incrementi anche per il metano auto.

Più nel dettaglio, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self sale a 2,219 euro/litro (ieri 2,217), con i diversi marchi compresi tra 2,184 e 2,269 euro/litro (no logo 2,191).

Il prezzo medio praticato del diesel self cresce a 2,225 euro/litro (ieri 2,220) con le compagnie posizionate tra 2,201 e 2,261 euro/litro (no logo 2,223).

Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è a 2,328 euro/litro (ieri 2,323) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 2,248 e 2,404 euro/litro (no logo 2,236). La media del diesel servito va a 2,342 euro/litro (ieri 2,333) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 2,283 e 2,405 euro/litro (no logo 2,267).

I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,883 a 0,904 euro/litro (no logo 0,877). Infine, il prezzo medio del metano auto è ancora in crescita e si posiziona tra 1,996 e 2,376 (no logo 2,274).(Ansa)

Articolo precedente Coldiretti Calabria: dalla mobilitazione i primi risultati dal Governo Nazionale, 1,2 mld. per salvare e produrre maggiore cibo per l’autosufficienza alimentare
Articolo successivoA Cinquefrondi Progetto sui disturbi del comportamento alimentare