Settimo Giardino della Memoria per le vittime di Covid realizzato in collaborazione con l’ASP di Vibo Valentia

58

E’ stato l’ospedale di Vibo Valentia il settimo luogo  ad ospitare il “Giardino della Memoria” realizzato grazie ai proventi del libro STORIE DA RICORDARE-Grandi imprese e solidarietà ai tempi del Coronavirus, frutto del progetto di Associazione Valentia mirato a raccogliere le testimonianze di piccoli e grandi imprenditori, del panorama politico, economico e sociale nazionale.

La piantumazione è avvenuta ieri pomeriggio all’interno del nosocomio cittadino  e questa attività rappresenta la settima di una serie di piantumazioni su scala nazionale.

“Chi pianta un albero, pianta speranza” diceva la scrittrice americana Lucy Larcom ed il progetto STORIE DA RICORDARE-Grandi imprese e solidarietà ai tempi del Coronavirus, nasce proprio con questo intento: ridare speranza.

L’evento simbolico ha visto la piantumazione di un albero d’ulivo ed uno di melograno con una targa per ricordare chi oggi non c’è più, avvenuto questo pomeriggio, alla presenza del presidente nazionale dell’Associazione Valentia Anthony Lo Bianco , dei membri della segreteria nazionale dell’associazione Valentia Giuseppe Piccolo, Valentina Fusca, Rosario Losiggio e Raffaele Trapasso, il Direttore Sanitario del Presidio Ospedaliero Jazzolino Michelangelo Miceli; Il Direttore Sanitario Aziendale dott. Matteo Galletta; il  Direttore Amministrativo Aziendale Dr.ssa Elisabetta Tripodi;  il  Direttore del dipartimento Emergenza Urgenza Dott. Michele Comito, i consiglieri comunali Marco Miceli e Giuseppe Policaro.

“Piantare un albero è un gesto importante, un segno capace di attraversare il tempo – queste le parole del presidente Lo Bianco  che ha ringraziato l’ASP nella persona del commissario Dott.ssa Bernardi e tutto il management  per aver aderito all’iniziativa – un modo di contribuire alla memoria, tramandando ai più giovani un reale e significativo ricordo di coloro che hanno perso la vita in questo ultimo anno, ma anche un simbolo di rinascita e di cambiamento. Un vivo ringraziamento al Direttore Sanitario Presidio Ospedaliero Jazzolino Michelangelo Miceli, al direttore Sanitario Aziendale Galletta, al Direttore Amministrativo Aziendale Tripodi per aver partecipato alla piantumazione odierna ed aver concesso e fatto trovare un’area in condizioni perfette in cui effettuare l’iniziativa. Grazie inoltre al Direttore del Dipartimento Emergenza Urgenza Comito ed ai Consiglieri comunali Miceli e Policaro per la vicinanza dimostrata nell’attività odierna”

 L’iniziativa proseguirà in tutta Italia.

I componenti della segreteria nazionale presenti dichiarano : Con queste aree verdi che stiamo inaugurando simbolicamente su scala nazionale, vogliamo ricordare chi purtroppo a causa della pandemia non c’è più. La donazione di alcuni alberi ha simbolicamente un grande valore.

Queste le dichiarazioni del Direttore Medico di Presidio Michelangelo Miceli:

“Esprimo, a nome del commissario ASP Dott.ssa Bernardi e di tutto il management i più vivi ringraziamenti all’associazione Valentia che già lo scorso anno ha manifestato la sua solidarietà e il suo impegno civile, per la comunità tutta con le ripetute donazioni alla struttura ospedaliera.

Con questo simbolico gesto della piantumazione degli alberi non solo si ricordano le vittime da Covid, ma si rinnova la solidarietà come momento essenziale per l’affermazione dei principi di cooperazione e umanità.

Un evento importante per ricordare le numerose vittime che la pandemia ha mietuto durante il 2021.

Articolo precedente Investire con successo, i consigli pratici
Articolo successivoFermato in auto con un kg di cocaina- arrestato 26enne