Stop agli spettacoli circensi con animali e divieto dei cani legati alla catena

239

Finalmente dei passi in avanti anche in Italia circa lo sfruttamento degli animali nei circhi. Grazie all’intervento dell’on. Maturi e del Sottosegretario alla Cultura Borgonzoni (Lega). Stop agli spettacoli circensi con animali e divieto dei cani legati alla catena.

E’ stata approvata il 13 luglio alla Camera dei Deputati la Legge Delega che prevede la dismissione dei circhi con animali nel termine di due anni. L’ordine del giorno presentato dall’on. Filippo Maturi – Responsabile Nazionale del Dipartimento Tutela e Benessere animale della Lega – si inserisce nell’ambito della nuova Legge sullo Spettacolo e ha trovato forte sostegno nell’impegno del Sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni (Lega)

Grande è la soddisfazione nel vedere che si sta delineando finalmente un nuovo codice dello spettacolo, un’azione proiettata al rispetto degli animali, ancora oggi umiliati e privati della loro dignità, ridotti a fenomeno da baraccone per “divertire” il pubblico”.

“Seppur non si tratti di uno stop immediato, il graduale superamento permetterà alle aziende circensi di adeguarsi e riprogrammare i loro spettacoli, ma anche di ricollocare in ambiente consono, e il più possibile naturale, le specie animali sotto la loro custodia. Si auspica che, nel frattempo, ci sia una campagna di sensibilizzazione da parte delle scuole e delle famiglie, affinchè bambini e ragazzi siano col tempo disinteressati agli spettacoli circensi con animali”.

“La sensibilizzazione e responsabilizzazione verso il mondo animale parte da vicino, dalle famiglie, dalle scuole e dalle Istituzioni. Grazie all’impulso della Lega un altro importante passo verso un traguardo di civiltà è stato compiuto”.

“ È di oggi, invece, un ulteriore importante intervento dello stesso On. Maturi che ha indirizzato una missiva ai Governatori delle Regioni più colpite dal problema incendi, tra le quali anche la Regione Calabria, affinchè, in attesa che il divieto di legare i cani alla catena diventi legge, siano le Regioni stesse ad attuare le dovute integrazioni ai protocolli per l’urgenza incendi con il divieto di detenzione di cani alla catena per tutto il periodo interessato dall’emergenza”.

Con la certezza che il Presidente Roberto Occhiuto recepirà l’istanza nella nostra Regione, si ringraziano l’on Maturi per la continua dimostrazione della politica del fare che contraddistingue la Lega e tutte le sigle che hanno sottoscritto congiuntamente la suddetta iniziativa: ENPA – Ente Nazionale Protezione Animali, LAV, OIPA, Lega Nazionale Per la Difesa Del Cane, Animal Law Italia, APA ed Effetto Palla Onlus”.

Articolo precedente Uccise la fidanzata nel 2020 – ergastolo per Antonio De Pace
Articolo successivoCausa l’inflazione + 150 milioni per spesa alimentare famiglie calabresi. Caldo e siccità spingono aumenti a doppia cifra di frutta e verdura