Uccide la convivente le asporta organi e si toglie la vita

Nella serata del 27 luglio, un uomo ha ucciso la convivente, e si è poi gettato dal quarto piano della sua abitazione finendo al suolo privo di vita. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo – G.F., 65 anni, incensurato -avrebbe colpito con diversi fendenti al corpo la sua convivente – A.M.N. di 59 anni, ricercatrice universitaria nella facoltà di Agraria – con un coltello, le avrebbe poi asportato alcuni organi, prima di togliersi la vita. L’episodio è accaduto a Portici (Napoli). Sono in corso le indagini delle forze dell’ordine.