Aumento dei disturbi mentali tra i giovani: un allarme da non sottovalutare

98

 

I disturbi mentali tra i giovani stanno vivendo un drammatico aumento, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si stima che tra il 10 e il 20% dei bambini e degli adolescenti nel mondo ne soffrano, con il 50% delle patologie psichiatriche che si manifestano prima dei 14 anni.

In Italia, circa due milioni di bambini e ragazzi fino ai 17 anni sono colpiti da disturbi neuropsichiatrici.

Numerose ricerche e testimonianze dirette confermano l’ampiezza della crisi che coinvolge i giovani, ma spesso gli adulti faticano a riconoscere i segnali del disagio. Secondo la Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinpia), il 59% delle persone con disturbi alimentari ha un’età compresa tra i 13 e i 25 anni, con un aumento dei comportamenti autolesivi e suicidari del 27% rispetto al periodo pre-COVID.

Lo studio “Dipendenze Comportamentali della Generazione Z”, promosso dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, ha rivelato che in Italia sono a rischio almeno 700.000 ragazzi.

Il 2,5% del campione mostra segni di dipendenza dai social media, mentre il 12% è coinvolto nella dipendenza da videogiochi, soprattutto maschi. Le scuole medie sono particolarmente a rischio, con il 14,3% degli studenti coinvolti nella dipendenza da videogiochi.

La comunicazione tra genitori e figli risulta compromessa per molti ragazzi a rischio, con oltre il 75,9% degli studenti con rischio di dipendenza dai social media che dichiara difficoltà di comunicazione con i genitori. Anche i genitori, a volte, non riescono a percepire la gravità dei problemi o li sovrastimano. Ad esempio, l’8,6% dei genitori che non rilevano problemi legati ai videogiochi ha un figlio a rischio di dipendenza da gaming.

Di fronte a questo scenario preoccupante, è fondamentale capire se un minore vicino a noi sta male e quale ruolo possono e devono avere genitori, insegnanti e l’intera società nel contrastare questo fenomeno. È necessario affrontare queste domande con immediate risposte e un impegno concreto per garantire il benessere mentale delle future generazioni.

Christian Carbone

Articolo precedente In Calabria riprese per la serie “Sandokan” con Can Yaman
Articolo successivoNascondeva pistola all’interno del proprio ristorante – arrestato 44enne