Dichiarazione di Giovanni Crea sulla riconferma del dott. Perrone nell’esecutivo nazionale di Coldiretti Giovani

Riceviamo e pubblichiamo

REGGIO CALABRIA – Voglio esprimere i miei migliori auguri al dott. Daniele Perrone per la riconferma nell’esecutivo nazionale di Coldiretti Giovani Impresa. Solo pochi giorni addietro si è svolta l’assemblea nazionale della Coldiretti Giovani, che rappresenta una realtà in ambito nazionale con oltre 40.000 giovani direttamente impegnati in un settore, quello agroalimentare che rappresenta l’eccellenza italiana. All’assemblea era presente il neoministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, del Partito Democratico, che ha proposto un piano d’azione straordinario per i giovani nel settore agroalimentare, per dare risposte a chi cerca futuro nel nostro Paese in un comparto dove ci sono importanti opportunità. Per il neoministro “occorre costruire attorno alla questione giovanile un punto saldo per il rilancio del Paese, perché la nostra generazione deve dare il proprio contributo ora. Ci sono margini importanti di recupero e di vero e proprio rilancio. Voi, giovani imprenditori agricoli, ne siete la dimostrazione”, queste le sue parole. Inoltre, se pensiamo che il tema proposto per l’ Expo2015 che si svolgerà proprio in Italia, a Milano è “Nutrire il pianeta, energia per la vita” ciò fa capire come avranno particolare importanza tutti quegli argomenti che riguardano l’alimentazione, iniziando dal problema della mancanza di cibo per alcune zone del mondo a quello dell’educazione alimentare, fino alle tematiche legate agli OGM. L’Italia e l’Europa hanno sempre creduto ed investito sulle politiche agricole ed alimentari tanto che a Parma ha sede l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare e lo sviluppo dei temi EXPO2015  legati al diritto ad una alimentazione sana, sicura e sufficiente  stanno ad accentuare un’eccellenza che al nostro Paese è riconosciuta in ambito internazionale. La presenza di un ragazzo della nostra provincia, che viene riconfermato in un così prestigioso incarico, non può che renderci orgogliosi del lavoro e delle qualità che da sempre caratterizzano la sua persona ed il suo impegno in un settore che negli ultimi anni sta riprendendo a crescere. Occorre puntare sulla qualità, sulle produzioni locali, sul lavoro certosino che da sempre caratterizzano le realtà locali italiane, perché solo attraverso una produzione di questo livello potremo facilmente vincere la concorrenza dei Paesi stranieri.

Giovanni Crea