Pensionato 80enne uccide la moglie a coltellate

909

Un pensionato di 80 anni ha ucciso a coltellate la moglie di 61, nella notte tra Natale e Santo Stefano nella loro casa di Fanano di Gradara, nelle Marche.

La donna si chiamava Natalia Kyrychok, faceva la cameriera in un ristorante ed era in Italia da oltre 20 anni.

Il marito, Vito Cangini, incensurato, era convinto che lo tradisse.

È stato il titolare del ristorante dove la donna lavorava a dare l’allarme non vedendola arrivare e non ricevendo risposte al telefono.

Quando i militari si sono presentati in casa, Cangini ha ammesso tutto. Il corpo di Natalia Kyrychok è stato trovato sul pavimento della camera da letto: secondo i primi accertamenti la donna sarebbe stata raggiunta da almeno 4 coltellate al petto.

 

L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Villa Fastiggi con l’accusa di omicidio volontario. Ritrovato il coltello da cucina utilizzato per colpire a morte la donna, che aveva origini moldave ed era madre di un ragazzo che abitava altrove. Natalia e il marito erano sposati da 17 anni.

Articolo precedente Gimbe: “Servono quarantena ridotta per i vaccinati e obbligo vaccinale”
Articolo successivodemA Calabria: Sanità “Non basta farsi nominare commissario ad acta, Occhiuto deve agire”