Polistena – presto una nuova carta dei servizi sociali d’ambito

48

Con la riorganizzazione della Ripartizione comunale Servizi Sociali è stata data una spinta importante alle politiche d’ambito che nel giro di qualche mese potranno avere nuova vitalità grazie alla costituzione di un nuovo gruppo di lavoro composto da nuove sette risorse umane, assistenti sociali, mediatrici, educatrici, piscologa, assunte con i fondi del Fondo Povertà, e coordinate da un nuovo responsabile assunto con contratto ex art. 110 dgls267/2000.

Nel primo mese di attività è stata convocata la Conferenza dei Sindaci, sono stati pubblicati gli avvisi relativi a: utenti che intendono iscrivere i loro bimbi all’asilo Nido Distrettuale “VILLA” – Azione RT PAC Infanzia; affidamento della gestionedella struttura ad operatore qualificato e organizzato in tal senso.

Il responsabile delle politiche sociali ha pubblicato l’avviso rivolto agli utenti con disabilità grave, bando denominato DOPO DI NOI – Annualità 2016/2017/2018, che favorisce l’inclusione di soggetti diversamente abili nel contesto sociale, nonché l’avviso per la Facilitazione Digitale, indirizzato alla formazione nell’era della informatizzazione che spesso vede molte persone non ancora pronte alla transizione digitale.

L’ufficio di Piano sta inoltre valutando le domande per contributi alle persone con disturbi dello spettro autistico assegnati con l’iniziativa “INCLUDI CALABRIA”, oltre che le autorizzazioni per l’inserimento in struttura.  A tal proposito si è proceduto a liquidare le rette dovute alle strutture semiresidenziali in convenzione che operano nel territorio del Distretto e le rette per minori non accompagnati.

L’ambito sta proseguendo nelle attività di erogazione dei voucher ad anziani over 65 e persone diversamente abili. Infine su proposta della Conferenza dei Sindaci si è rimodulato il progetto PrIns finanziato con fondi PNRR che punta a migliorare le condizioni di vulnerabilità dei soggetti diversamente abili, insieme all’avvio della riprogrammazione dei bandi “Vita indipendente”.

Puntiamo ad accelerare ogni procedura tesa ad elevare la qualità dei servizi sociali dell’Ambito che grazie all’apporto qualificato del nuovo gruppo di lavoro potrà predisporre, in un breve lasso di tempo, la nuova carta dei servizi offerti dalle strutture, organismi del terzo settore, volontari e singoli operatori sociali impegnati sul territorio.

Articolo precedente Cacciatore disperso nel reggino, trovato morto
Articolo successivoMigranti soccorsi a 80 miglia da coste calabresi