Migranti soccorsi a 80 miglia da coste calabresi

54

Sono arrivati in condizioni di ipotermia 46 migranti sbarcati poco dopo le 21 di ieri sera al porto di Crotone da una motovedetta della Guardia Costiera.

Si trovavano a bordo una imbarcazione a vela che navigava in difficoltà a circa 80 miglia dalla costa calabrese quando sono stati raggiunti dall’unità navale italiana in missione Sar.

Come lo sbarco di venerdì scorso, anche in questo caso i migranti provengono da Iran (27), Iraq (17) e Palestina (2) e sono partiti dalle coste turche circa 5 giorni fa.

La motovedetta della Guardia costiera ha trasbordato le persone dalla barca a vela e le ha condotte al porto di Crotone dove sono sbarcati 32 uomini, 5 donne e 9 minori che erano con le loro famiglie. Hanno affrontato un viaggio difficile incontrando anche problemi meteo lungo la rotta e per questo la maggior parte di loro aveva i vestiti bagnati.

I medici ed i sanitari dell’equipe dell’Ufficio vulnerabilità dell’Asp di Crotone ed i volontari della Croce rossa hanno provveduto a curare sul posto i casi di ipotermia più gravi ed hanno distribuito coperte termiche ed abiti asciutti. Per nessuno dei migranti, però, è stato necessario il ricovero in ospedale.

Le operazioni di sbarco sono state condotte dall’Ufficio immigrazione della Questura di Crotone. I profughi sono stati poi trasferiti a bordo di autobus al centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto.

 

Articolo precedente Polistena – presto una nuova carta dei servizi sociali d’ambito
Articolo successivoScossa di terremoto in Calabria