Conserva il cadavere della figlia suicida in una vasca da bagno per 40 giorni, denunciato

Ha tenuto nascosto per 40 giorni nella vasca di casa il cadavere della figlia suicida, per poi tentare di inscenare un ritrovamento da parte dei Carabinieri. È successo a Imola, nel Bolognese. L’uomo, di 77 anni, è stato denunciato per occultamento di cadavere.

Ieri ha contattato l’Arma dicendo di essere preoccupato per la cugina, che temeva fosse morta nella casa che la donna condivideva con il padre. Andati a controllare, i militari hanno trovato il corpo in avanzato stato di decomposizione di quella che in realtà era sua figlia, una 42enne, adagiato nella vasca da bagno e sigillato con un telone di plastica. Nella stanza era stato messo anche un ventilatore accanto a una finestra, per arieggiare il locale. Dai primi accertamenti, la donna si sarebbe tolta la vita circa 40 giorni fa a causa di una situazione di grave disagio. Il padre 77enne, che si occupava di accudirla, avrebbe poi deciso di nascondere il cadavere.

L’appartamento è stato sequestrato dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Imola