Gioia Tauro, Magorno invita Bellofiore a ritirare le dimissioni

7

Il segretario del Partito Democratico Calabrese Ernesto Magorno, successivamente alle dimissioni rassegnate ieri dal sindaco di Gioia Tauro, Renato Bellofiore, ha invitato lo stesso “a ripensare la sua decisione e a continuare la sua positiva esperienza alla guida della Città”. Magorno ha dichiarato di comprendere lo stato di profonda delusione di Bellofiore, aggiungendo però “che non debba essere interrotto un percorso amministrativo che ha ottenuto, grazie al suo impegno, indubitabili e riconosciuti risultati in termini di vivibilità e sviluppo, così come nell’impegno al contrasto dell’illegalità, in un Città che per la presenza della struttura portuale è decisiva per il futuro stesso della nostra regione”. Magorno ha inoltre riferito di aver subito contattato il segretario della Federazione Provinciale di Reggio Calabria, Seby Romeo, non appena appresa la notizia delle dimissioni di Bellofiore. Proprio con Romeo il segretario regionale del partito democratico ha concordato il coinvolgimento del Pd di Gioia Tauro, con l’auspicio “che, con un’unica voce, si chieda al sindaco Bellofiore di ritornare sui suoi passi, ritirando le dimissioni, facendo prevalere il senso di responsabilità, che è proprio degli uomini delle Istituzioni, ed a cui certamente saprà appellarsi, superando questo momento di difficoltà. La Città di Gioia Tauro merita di essere governata da chi è stato democraticamente scelto dai cittadini e si è quotidianamente speso per la sua crescita economica, sociale e culturale. Ora più che mai è necessario che il Pd di Gioia Tauro ritrovi la sua unità e io lavorerò in questa direzione proprio perché sono pienamente convinto che questa è la sola strada da intraprendere per costruire il futuro del partito “.

Articolo precedente Non si ferma a posto di blocco e dopo abbandona auto con armi, ricercato a Sideno
Articolo successivoSan Luca e l’aspromonte tra le capitali della bellezza d’Italia. Si conclude la settimana nazionale promossa da Legambiente.