Puglia e Calabria guidano la ripresa, gli italiani alla ricerca di vacanze tra spiagge e cultura

66

 

Mapo Travel: riparte il Mare Italia, prenotazioni in crescita: Puglia e Calabria guidano la ripresa, gli italiani alla ricerca di vacanze tra spiagge e cultura

Il turismo riparte e sarà soprattutto il Mare Italia a trainare la ripresa del settore dopo tanti mesi di stop forzato.

Il sensibile calo del numero dei contagiati e lallentamento delle restrizioni hanno di fatto aumentato la voglia di viaggiare degli italiani, spiega Barbara Marangi, general manager di Mapo Travel. E con la stagione estiva alle porte e le limitazioni ancora presenti per lestero, a farla da padrone è il Mare Italia.

Durante questi mesi di inattività sul fronte prenotazioni, il tour operator pugliese si è messo al lavoro per rifare il look del portale dedicato alle agenzie, creare pacchetti e prodotti sempre più tailor made, incontrare e formare gli agenti di viaggio.

Siamo pronti ad esaudire ogni richiesta delle adv e dei viaggiatori. Abbiamo ricevuto tantissime richieste nelle ultime settimane, soprattutto per le nostre strutture in Puglia e in Calabria, regioni che stanno trainando la ripresa delle prenotazioni al sud. Non solo, tra i prodotti più richiesti la new entry Una vacanza in un mare di cultura che abbina la spiaggia al mattino e i tour in escursione al pomeriggio, continua la general manager di Mapo.

Sale dunque la voglia di mare con i tour operator e tutte le imprese della filiera impegnati a recuperare il tempo perso.

“Le prenotazioni sono in crescita e ci fanno ben sperare per l’estate. Due gli obiettivi principali: che luglio e agosto sianoalmeno in linea con lo scorso anno e riuscire ad allungare la stagione almeno a settembre e ottobre – conclude Barbara Marangi Siamo certi che le Mapo Experience, lanciate da poche settimane, possano favorire il turismo esperienziale anche in bassa stagione”.

Articolo precedente Controlli carabinieri a Cinquefrondi, Taurianova e Giffone
Articolo successivoReggio Calabria -Legambiente: abbattuti più di 30 alberi con effetto devastante su avifauna