Cittanova, scoperta e sequestrata discarica inerti

Continua l’azione di contrasto al fenomeno dell’abusivismo edilizio, operato dai Carabinieri Forestali.
I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Cittanova  hanno scoperto e sequestrato in località “Don Tommasi” del Comune di Cittanova, una vasta area agricola trasformata in una discarica di materiale inerti, per un volume accumulato di oltre 7.000 metri cubi.
L’enorme accumulo di materiale era stato semplicemente ”giustificato”, dal proprietario del terreno agricolo, presentando allo stesso comune una semplice Segnalazione di Inizio Attività (SCIA), ovvero un’autorizzazione amministrativa per attività imprenditoriali che non prevedono però  la trasformazione del territorio e/o l’alterazione della conformazione del suolo.
Le ulteriori indagini svolte dai Carabinieri hanno permesso di ricostruire l’iter amministrativo del parere autorizzativo rilasciato dal Comune di Cittanova ed a individuare precise responsabilità e formulare le ipotesi di reato. Quattro sono risultate le persone coinvolte nelle indagini e deferite all’Autorità Giudiziaria: il proprietario dell’area agricola S.F. di anni 22, ed il suo tecnico incaricato dei lavori, A. A. classe 1972; G.G. di anni 38, amministratore unico della società che materialmente ha movimentato il materiale di risulta; G. M. classe 1981, tecnico del Comune di Cittanova. Svariati sono i reati ad essi contestati, che vanno dall’abuso edilizio alla falsità ideologica e materiale. Inevitabile inoltre il sequestro dell’area agricola dal valore stimato in circa 20.000 euro. Di difficile determinazione invece risulta il danno ambientale, che va ben oltre il valore della superficie sottratta alla coltivazione; l’assetto idrogeologico, la morfologia dei luoghi, la perdita del  paesaggio rurale che è frutto, in primo luogo, dell’identità culturale di un territorio.
E’ questa continua erosione di “valore” del territorio che i Carabinieri Forestali, con la loro attività, contrastano incessantemente, facendo appello alla sensibilità dei cittadini che possono concretamente contribuire alla difesa dell’ambiente segnalando al 1515, numero di emergenza ambientale, ogni potenziale abuso.