Melicucco – 39 persone denunciate per occupazione abusiva alloggi popolari

752

A Melicucco, i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro ad esito di mirata attività di controllo volta ad accertare irregolarità su diversi alloggi di edilizia popolare, gestite dall’A.T.E.R.P. di Reggio Calabria, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Palmi 39 persone, di cui cinque di origine straniera, per occupazione abusiva d’immobili pubblici o ad uso pubblico e oltre che per abuso edilizio: circa un centinaio in particolare le abitazioni attenzionate, al fine di verificarne la regolare occupazione.

Nello specifico lindagine, condotta dalla Stazione Carabinieri di Melicucco convenzionalmente denominatainsula”, come le tipiche abitazioni popolari dell’antica Roma, ha permesso di accertare reiterate irregolarità in 15 delle unità abitative sottoposte alle verifiche da parte dei militari dell’Arma.

In particolare, nel corso dei vari controlli è stato accertato come le varie abitazioni fossero state occupate, senza alcun titolo, da singoli soggetti o da intere famiglie ovvero fossero state cedute, affittate o date in comodato d’uso gratuito a terzi dagli originari assegnatari degli immobili popolari.

In uno degli appartamenti è stato inoltre accertato un abuso edilizio, in quanto riscontrata la costruzione illecita di una porta, che impediva l’accesso agli ingressi di due appartamenti in uso a membri dello stesso nucleo familiare.

Oltre al danno economico nei confronti dell’Azienda Territoriale in fase di quantificazione sicuramente rilevante è stato anche il danno sociale derivato dall’occupazione abusiva degli immobili rendendoli inaccessibili a quelle famiglie realmente bisognose e regolarmente in lista, in attesa di un’abitazione a canone locativo agevolato.

Trattandosi di provvedimento in fase di indagini preliminari, rimangono salve le successive determinazioni in fase dibattimentale.

Articolo precedente Omicidio a Reggio Calabria: due arresti
Articolo successivoSpacciava nonostante fosse ai domiciliari: arrestato 43enne