Picchia moglie incinta – alla suocera intervenuta ha detto: “È mia moglie la picchio quando voglio”

698

Un 40enne impiegato, di nazionalità marocchina, residente a Toano – nell’Appennino Reggiano – è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate.

Ha picchiato la moglie incinta, sferrandole calci alla pancia, schiaffi e pugni in faccia.

La coniuge, una casalinga di 32 anni, all’ottavo mese di gravidanza è riuscita a chiedere aiuto alla madre, mandandole una foto su Whatsapp che la ritraeva con evidenti segni di violenza sul volto.
La donna si è precipitata a casa dalla figlia, trovando però la risposta aggressiva del genero: “È mia moglie, la picchio quando voglio, tu non ti intrometti fra di noi… Gli faccio quello che voglio”, ha detto alla suocera stando a quanto riferito dai militari dell’Arma in una nota stampa.

Poco dopo sono arrivati i carabinieri e per l’uomo sono scattate le manette per la flagranza di reato; contestualmente sul posto è arrivata un’ambulanza per soccorrere la vittima, portata d’urgenza – visto lo stato interessante – all’ospedale di Sassuolo dov’è stata giudicata guaribile con una prima prognosi di 15 giorni per le lesioni, ma sono in corso gli accertamenti riguardo alla gravidanza. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri di Toano – coordinati dalla Procura di Reggio Emilia che ha aperto un’inchiesta – non si tratterebbe di un caso isolato: la donna sarebbe stata sottoposta a continue vessazioni e violenze da parte del marito, anche davanti agli occhi dei due figli minorenni della coppia.

Articolo precedente “Contrasto alle truffe” – carabinieri incontrano gli anziani
Articolo successivoArresto Messina Denaro, Salvatore Borsellino: “Una latitanza che dura 30 anni è una sconfitta da parte dello Stato. Consegna volontaria? Ci sono tante cose che lasciano da pensare…”