Rosarno – Istituito il Centro di documentazione “Giuseppe Lacquaniti”

255

Istituito nel Liceo scientifico Piria diretto dalla preside Mariarosaria Russo il Centro di documentazione intitolato a Giuseppe Lacquaniti.

Docente della scuola per un quarto di secolo, storico corrispondente della “Gazzetta del Sud”, autore di libri e di centinaia di pubblicazioni, fondatore e direttore editoriale della rivista “La Città del Sole”, sindaco della cosiddetta “primavera di Rosarno” dal 1988 al 1990. Instancabile animatore culturale, anche quale Vice presidente e docente dell’Accademia d’arte drammatica della Calabria e dell’Istituto Europeo Superiore per il Turismo di Locri, Lacquaniti ha speso l’intera esistenza per la promozione della cultura e della memoria storica calabrese.

Nel 2013 il Presidente della Repubblica gli ha conferito la “Medaglia per meriti culturali”.

“Il Centro, unico nel territorio con finalità altamente didattiche – spiega la giornalista Giovanna Tutino, ideatrice dell’iniziativa- vuole costituire un punto di riferimento aperto al contributo di tutti i cittadini che hanno a cuore la memoria storica della nostra comunità. Sarà infatti un luogo per condividere saperi ed esperienze e si farà promotore di iniziative finalizzate a diffondere conoscenze relative alla storia di Rosarno. Non a caso- conclude la giornalista- è stato scelto come sede il Liceo Piria, cornice ideale per poter lavorare con i giovani su queste tematiche”.

Grande soddisfazione è stata espressa dalla preside Russo, che ha sottolineato la profonda valenza pedagogica di un progetto dedicato alla storia della comunità rosarnese nel tempo.

Gli studenti del Liceo – è stato rimarcato nel corso della presentazione – saranno i protagonisti attivi di questo progetto e verranno coadiuvati dai docenti referenti alla ricerca di memorie familiari e di comunità.

Particolare riguardo, con la creazione di apposite sezioni, verrà inoltre dato al contributo culturale espresso dagli altri illustri esponenti della famiglia Lacquaniti: l’indimenticato papà Vincenzo e i fratelli artisti Antonio, Rodolfo e suor Maria, delle Figlie di Maria Ausiliatrice, instancabile educatrice della gioventù salesiana e autrice di innumerevoli opere teatrali, alcune editi dalle Paoline, rappresentate nelle Case di Don Bosco in ambito nazionale ed internazionale.

Articolo precedente Cinquefrondi a lutto per la prematura scomparsa di Antonio Scarfó
Articolo successivoCalabria – Intimidazione a deputato Cannizzaro