Bambina precipita dal quinto piano, passante la salva prendendola al volo

579

Ha agito d’istinto e in una manciata di secondi ha salvato la vita di una bambina precipitata da un palazzo.

Il protagonista del gesto è un impiegato di banca, un torinese di 37 anni, Mattia Aguzzi, che questa mattina ha preso al volo una piccola – che compirà quattro anni tra pochi giorni – caduta dal quinto piano di un palazzo di via Nizza 389, quartiere Lingotto, a Torino.

Sono circa le 10.50 quando la bimba scavalca la ringhiera del balcone e sale sul cornicione.

La scena viene vista da un ragazzo che è affacciato dal palazzo di fronte. Il giovane inizia a urlare disperato alle persone che sono in strada chiedendo aiuto. Tra queste c’è Aguzzi che vive nella zona e che sta andando a comprare il pane con la sua compagna. Le grida attirano l’attenzione della coppia che guarda in alto e vede la scena angosciante. “La piccina ha continuato a sporgersi sempre di più e ha scavalcato il cornicione, si è tenuta solo con le braccia e aveva le gambe nel vuoto – racconta Aguzzi – . Ho iniziato a gridarle di stare ferma e di rientrare ma non sentiva”. La piccola precipita e a questo punto Mattia interviene.

“Quando l’ho vista cadere mi sono messo sulla traiettoria, ho chiuso gli occhi e ho sperato che andasse tutto per il meglio, l’ho bloccata attutendo il colpo e siamo caduti a terra entrambi”, spiega il 37enne. Mattia è in ginocchio sul marciapiede, in braccio ha la piccola che inizialmente non dà alcun segno di vita, ma poi inizia a piangere. “E’ viva, è viva”, ripetono Mattia e la fidanzata, e mentre la donna chiama i soccorsi, in strada scendono la mamma e il padre della bimba. Sono in stato di shock. Insieme ai sanitari del 118 e alle ambulanze, sul posto arrivano anche i carabinieri, a cui sono affidate le indagini.

La bimba viene trasportata all’ospedale infantile Regina Margherita, dove viene ricoverata nel reparto di chirurgia pediatrica. Non ha lesioni evidenti, ma resterà nel nosocomio fino a lunedì, in osservazione, per precauzione. In un altro ospedale, al Cto, viene accompagnato anche il suo salvatore, che viene dimesso con due giorni di prognosi per una contusione alla parete toracica. “Dal quinto piano l’impatto è stato forte, mi sono trovato per terra e all’inizio non riuscivo a respirare”, spiega all’uscita dall’ospedale. “Un atto di coraggio e altruismo”, così il sindaco del capoluogo piemontese, Stefano Lo Russo, ha definito il gesto di Aguzzi. Lo Russo ha telefonato al 37enne per complimentarsi con lui. “Proporrò al consiglio comunale di conferirgli la Civica Benemerenza, in segno di ringraziamento da parte della Città”.

Articolo precedente Cinquefrondi- avvelenato Billy, cagnolone di quartiere. La rabbia sui social: “Qual è il limite della crudeltà umana?”
Articolo successivoSan Ferdinando e la lotta per il mare pulito – con le istituzioni unite si può vincere la sfida