Calabria – aggredito ex sindaco: ricoverato in gravi condizioni

733

L’ex sindaco di Roccabernarda, comune di poco più di 3 mila abitanti in provincia di Crotone, Francesco Coco, 73 anni, è stato ricoverato in gravi condizioni, ma non sarebbe in pericolo di vita, nell’ospedale di Catanzaro a seguito di una violenta aggressione subita nella notte mentre stava rientrando a casa.

Da una prima ricostruzione due persone, con volto coperto, avrebbero atteso Coco davanti casa e mentre stava entrando nel giardino colpendolo alle spalle con un bastone e causandogli ferite gravi tanto che i sanitari intervenuti hanno deciso di trasferirlo nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale del capoluogo calabrese dove è attualmente ricoverato in osservazione.

Coco, che nel 2006 è stato anche insignito del titolo di cavaliere della Repubblica italiana, è un ex maresciallo dei carabinieri noto per le sue posizioni contro la criminalità organizzata. A Roccabernarda è stato sindaco, a capo di una lista di centrodestra, dal 2002 al 2007; eletto successivamente consigliere nel 2017 ha rivestito anche il ruolo di consigliere provinciale dal 2020 al 2021. Negli anni scorsi è già oggetto di gravi intimidazioni: nel 2019, quando era consigliere comunale, gli è stata incendiata l’auto.

Due diciassettenni sono indagati come i presunti autori della violenta aggressione.

La posizione dei due minori, uno dei quali nipote di un esponente delle cosche locali, è al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro che, insieme ai militari del Reparto operativo – Nucleo investigativo di Crotone hanno avviato immediatamente le indagini per fare luce sull’accaduto con il coordinamento della Procura dei minorenni di Catanzaro.

Il sindaco di Roccabernarda, Luigi Foresta, insieme a tutta l’Amministrazione, esprime in un messaggio vicinanza e solidarietà a Coco: “siamo vicini con la mente e con il cuore – afferma – al nostro concittadino. Atti del genere sono vergognosi, inauditi e incidono negativamente sulla tranquillità di una intera popolazione. Siamo certi che le autorità competenti troveranno i colpevoli di questo vigliacco gesto così da permettere giustizia nei confronti del Maresciallo e di tutta la sua famiglia”.

 

Articolo precedente Calabria mare pulito: elicotteri e droni per monitorare le coste
Articolo successivoRete carburanti – Prezzi della benzina in calo