Calabria – sfruttamento del lavoro: sequestro beni ad imprenditori

761

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni per 665 mila euro, emesso dal Gip di Lamezia Terme su richiesta della Procura, nei confronti di due imprenditori, amministratori di tre società di capitali, una delle quali ora fallita, operanti nel lametino nel settore della grande distribuzione e indagati per sfruttamento del lavoro ai danni di 79 dipendenti.

 

Dalle indagini, avviate dal Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme e proseguite con il coordinamento della Procura della città, sarebbero emersi gravi indizi a carico dei due imprenditori in ordine all’impiego di manodopera in condizioni di sfruttamento. Ai lavoratori, secondo quanto emerso, sarebbero state corrisposte retribuzioni in modo palesemente difforme dai contratti collettivi nazionali e violando la normativa relativa all’orario di lavoro e approfittando del loro stato di bisogno derivante dall’assenza di ulteriori opportunità occupazionali.

Gli indagati, inoltre, avrebbero imposto ai lavoratori di rinunciare a parte delle ferie, alle indennità per impiego nei giorni festivi e alle ore di straordinario, pena la mancata assunzione. La condotta avrebbe consentito agli imprenditori di trarre gli illeciti profitti oggetto di sequestro preventivo.

Le indagini sono risultate particolarmente difficili sia per l’iniziale scarsa collaborazione di molti dipendenti, timorosi delle ritorsioni dei datori di lavoro, sia perché formalmente le buste paga non presentavano palesi irregolarità.

Articolo precedente Processo Balboa – stupefacenti: la Corte d’Appello di Reggio esclude l’associazione
Articolo successivoSequestra e picchia lo zio disabile poi pubblica video sul web: arrestato 25enne