Palmi, Ranuccio attacca amministrazione:in alto mare qualsiasi forma di programmazione e progettazione turistica

Non manca molto all’arrivo della stagione estiva ma, a quanto pare, i nostri amministratori non se ne sono ancora resi conto o, peggio, non si dimostrano interessati alla stessa. Pur mancando solo quattro mesi all’estate infatti, è ancora in in alto mare qualsiasi forma di programmazione e progettazione che miri non solo a rivitalizzare, incentivare e far rinascere la nostra città in prospettiva  turistica ma, e soprattutto,  a predisporre un piano di offerta di servizi e di opportunità culturali, ludiche ed anche commerciali che, potenzialmente, la nostra terra sarebbe in grado di offrire. Ed è bene sottolineare potenzialmente, perché come ormai siamo abituati da anni se non decenni, le nostre  grandiose fortune naturali, culturali, antropologico-sociali e turistiche restano purtroppo soltanto delle  potenzialità appunto inespresse, delle risorse, che però  mai sono state utilizzate a dovere e messe nelle condizioni  quindi di esser valorizzate per come meriterebbero, facendo rifiorire loro e la cittadina tutta. Come dicevo prima, nonostante l’estate sia alle porte, nonostante questa sarà caratterizzata da una attenzione particolare e da un’affluenza importante di visitatori esterni, considerando  che si terrà per la prima volta la celebrazione della festività della Varia “targata” unesco, la maggioranza pare sia totalmente inerte ed al momento non intenzionata a procedere in tale direzione.

Solo per fare qualche esempio, vi invito a porre la vostra attenzione al teatro in località Motta. Bene,  da dicembre la struttura è  priva di un Soggetto titolato non solo a curarne la gestione e la custodia, ma soprattutto, ad occuparsi della programmazione di attività teatrali appunto. Corriamo il rischio concreto pertanto, che anche nei mesi estivi l’imponente complesso non solo non sia in grado di offrire un adeguato calendario di eventi ma che, addirittura, resti chiuso e inutilizzato ; salvo qualche sporadica e isolata iniziativa di eventuali singole associazioni.

Altro tema caldo che mi permetto di suggerire alla vostra attenzione è il tanto agognato quanto problematico Piano Spiagge. Lo scorso anno ci assicurarono che per la stagione 2014 il piano sarebbe stato completato e  già operativo; ad oggi invece, tale strumento di  fondamentale importanza per la regolamentazione degli impianti commerciali nelle località marine, e per il rilancio del turismo di conseguenza, pare si sia smarrito tra i tavoli della burocrazia comunale e regionale costringendoci ad affrontare l’ennesima estate in assenza di una adeguata regolamentazione del settore e in danno dei tanti cittadini ed esercenti che avevano in tale Piano riposto legittime aspettative.

La bravura di un amministrazione sta nel saper progettare gli interventi futuri, nell’agire per tempo prevenendo le potenziali difficoltà, nell’essere in grado di dettare delle linee programmatiche generali di sviluppo da attuare nel tempo e con precise scadenze. Non si è ancora ben capito quale futuro sia stato scritto per Palmi; manca una visione prospettica e di prospettiva.  Mi rendo conto  che forse tali aspettative sono esagerate al cospetto di una maggioranza non in grado di fronteggiare neppure l’ordinaria amministrazione. Sono sicuro però, che nonostante le continue sollecitazioni e le pressanti istanze provenienti non solo da noi “minoranza”, ma dai settori più diversi presenti nella nostra collettività, questa amministrazione si presenterà agli impegni futuri ancora una volta impreparata, sprovveduta, ed incapace di dare risposte concrete ai cittadini che, ormai, appaiono sempre più sfiduciati.

Giuseppe Ranuccio

 Consigliere Comunale PD