Pastore 42enne trovato morto a Condofuri – carabinieri interrogano sospettato

483

Il corpo senza vita di Leo Romeo, un pastore di 42 anni, è stato trovato venerdì sera in una scarpata in località Ceracadi, a Condofuri superiore.

I carabinieri della stazione di Melito Porto Salvo, coordinati dal sostituto procuratore della Repubblica di Reggio Calabria Tommaso Pozzati, non hanno dubbi che si tratti di un omicidio e non di un incidente.
Nonostante dagli ambienti investigativi non trapeli alcuna notizia circa la dinamica del delitto, infatti, sembrerebbe che Romeo sia stato ucciso con almeno un colpo d’arma da fuoco.

In attesa dell’autopsia disposta dal magistrato, le indagini dei carabinieri hanno scandagliato la vita di Romeo, incensurato ma in passato coinvolto nell’inchiesta antimafia “Parola d’onore” con l’accusa di aver fatto parte della ‘ndrangheta di Condofuri.

Dopo una condanna in primo e in secondo grado, Leo Romeo è stato assolto definitivamente in seguito all’annullamento di quella sentenza da parte della Corte di Cassazione.

Al momento, sul suo omicidio sta indagando la Procura ordinaria in quanto non sembrerebbe che il contesto in cui è maturato il delitto possa essere quello mafioso.

Le indagini sarebbero indirizzate su problematiche di vicinato o legate all’attività lavorativa che vittima svolgeva in campagna con gli animali. Non è escluso che tra Romeo e il suo assassino possa esserci stata una colluttazione prima dell’omicidio.

 

Tutte ipotesi devono essere verificate dagli investigatori che, adesso, stanno interrogando un giovane portato in caserma col sospetto di essere l’autore dell’omicidio di Romeo.

Nei confronti del sospettato ancora non sarebbe stato adottato alcun provvedimento giudiziario.

Articolo precedente Aggredito personale del 118 – muore uomo e parenti distruggono ambulanza con mazze
Articolo successivoMaturità 2022 – torna la prova scritta di italiano e la seconda prova