Ragazza 17enne Indiana picchiata a morte perché indossava i jeans

325

Una tragica storia che arriva dall’India dove una ragazza 17enne, è stata uccisa dai parenti perché vestiva come tante coetanee del suo paese, indossando jeans e maglietta, invece del sari o del completo femminile con la lunga blusa e i pantaloni larghi.

La 17enne Neha viveva a Savreji Kharg, un villaggio nel distretto di Deoria, una delle regioni più arretrate dell’Uttar Pradesh. I nonni paterni spesso la rimproveravano per  quell'”audace” abbigliamento e le facevano pressioni affinché lasciasse gli studi. Qualche giorno fa, la ragazza è stata ritrovata morta.

È stata la madre, a far scattere le ricerche dopo avere denunciato alla polizia locale che il nonno paterno e alcuni zii avevano picchiato sua figlia fino a tramortirla, e poi avevano promesso di condurla in ospedale. In ospedale però la17enne non è mai arrivata: il suo corpo, privo di vita, era appeso a un ponte, a qualche chilometro di distanza dal villaggio. L’autopsia ha rivelato che la ragazza aveva avuto il cranio spaccato dalle bastonate.

Articolo precedente Estate 2021 in Calabria, turisti chiedono bandiere blu anche in sicurezza
Articolo successivoRosarno – sorpreso ad irrigare piantagione di marijuana: arrestato 44enne