Stabilite regole per accesso Arcomagno San Nicola Arcella

65

Il sindaco di San Nicola Arcella Eugenio Madeo, ha firmato l’ordinanza che stabilisce le regole per la fruizione dell’area dell’Arcomagno, tra i principali attrattori naturalistici della Calabria, e che saranno in vigore dal primo giugno al 15 settembre 2024.

In 14 articoli vengono fissate le modalità con le quali i visitatori potranno godere dell’area in sicurezza e con decoro, nel solco della politica di salvaguardia avviata ormai da qualche anno dall’amministrazione comunale per evitare effetti da overtoursim.

Il servizio di controllo, vigilanza e pulizia del percorso che conduce all’Arcomagno e del sito stesso sarà assicurato tutti i giorni dalla Pro loco, aggiudicataria della gestione dei servizi relativi alle visite guidate e alla cura dell’igiene ambientale.

Si potrà accedere alla spiaggetta e alla grotta dalle 8 alle 20 solo ed esclusivamente in presenza del personale addetto.

Inoltre, è vietato spingersi fin sotto la grotta e passare con imbarcazioni sotto l’arco per motivi di sicurezza legati al pericolo caduta massi. E ancora, sulla caratteristica spiaggetta si entra su prenotazione al costo di 3 euro, la metà per i minori di 12 anni, e a gruppi prestabiliti. Si rimane per un massimo di mezz’ora, non si portano sdraio, ombrelloni e asciugamani, non si mangia, non si fumano sigarette.

Lungo i sentieri che conducono all’Arcomagno, accessibile a piedi da nord e da sud, devono essere presenti cartelli informativi sugli aspetti escursionistici e soprattutto circa i pericoli di distacchi rocciosi.

“In giorni e orari prestabiliti – precisa l’ordinanza – la Pro loco garantirà la visita via mare alla spiaggia dell’Arcomagno delle persone con ridotte o impedite capacità motorie permanenti”, sospendendo in quelle occasioni le visite lungo i sentieri.

 

Articolo precedente Si barrica in casa dopo avere accoltellato moglie e figli – grave un bambino di 7 anni
Articolo successivoControlli anti furbetti del contatore: raffica di denunce dei Carabinieri nella Piana di Gioia Tauro