Calcio Dilettanti, molti big match per le squadre della Piana

Molto interessante questo fine settimana, dove spiccano molti derby e scontri diretti per le formazioni pianigiane, iniziando dalla massima serie dilettantistica, con due derby, il primo quello tra Nuova Gioiese – Montalto, con la speranza che i gioiesi possano rimanere agganciati alla zona playoff viste le avanzate delle dirette concorrenti, l’altro derby di giornata in serie D è quello tra Rende – Vibonese entrambe in corsa per allontanarsi dalla zona calda, con l’obiettivo di centrare la salvezza prima possibile, invece per l’Hinterreggio ci sarà la difficile trasferta di Pomigliano.

 In Eccellenza, la Palmese, che sta perdendo terreno sulle altre concorrenti ai playoff, va di scena a Guardavalle, dove si prospetta una gara piena di insidie per i ragazzi di Mister Colle, che dovranno assolutamente portare a casa i tre punti se vogliono inserirsi nella corsa ai playoff. Invece per la Taurianovese c’è la gara casalinga contro il Bocale, ed in caso di vittoria dei giallorossi ci sarà il sorpasso da parte della formazione pianigiana sugli ospiti. Per la capolista Roccella ci sarà lo scontro con il Sambiase seconda forza del campionato e distante al momento di 12 lunghezze.

 Il girone B di Promozione vedrà il Rizziconi di mister Russo impegnato in trasferta contro la Benestarnatilese, nell’intento di mantenere il secondo posto e i due punti di vantaggio sulla Bagnarese che andrà di scena a Bianco, con i padroni di casa in cerca di un’importante vittoria per avvicinarsi proprio alla Bagnarese, così da stare al passo del duetto di testa formato dal Rizziconi e dalla capolista Brancaleone impegnata nella trasferta di Polistena, con i padroni di casa che sperano in un’impresa per allontanarsi dalla zona playout, invece una vittoria per i rossoblù sarebbe comoda per mantenere il distacco dalle inseguitrici. Nelle zone basse dove risiedono Taureana e Deliese spiccano due incontri casalinghi per le due squadre pianigiane che saranno impegnate rispettivamente con Bovalinese e Marina di Gioiosa.

 Nella Prima Categoria girone D spicca il big match di testa tra la capolista Cittanovese e l’Aurora Reggio seconda forza del campionato distaccate da soli 3 punti, con i ragazzi di mister Mordocco che dovranno dare il 110 % se vogliono mantenere il primo posto in solitudine, invece per la formazione di Minniti, l’unico obiettivo prefissato è la vittoria che li porterebbe al comando insieme ai padroni di casa, e viste le ultime uscite affrontate ottimamente dai reggini ci sarà molto spettacolo in questa gara, dove ci si giocherà un’intera stagione. Impegni facili sulla carta per le altre due squadre posizionate al terzo e quarto posto, occupati rispettivamente dal Caulonia che affronterà il modesto Santa Cristina, e dal Greffa Mosorrofa che affronterà un rinato Palizzi, che sta ottenendo punti importanti per centrare la salvezza. Al quinto posto scontro diretto per le due mine vaganti di questo girone, il big match tra Nuova Rosarnese – San Giuseppe con entrambe le formazioni pronte a dare il massimo pur di portare a casa un’importantissima vittoria per la lotta ai playoff, con gli amaranto che si troveranno davanti una squadra che ha fame di vittoria visto il risultato maturato all’andata a sfavore della formazione reggina, e che coincideva con la prima vittoria per i ragazzi del duo Larosa-Zungri, invece il San Giuseppe punta tutto sul suo pupillo Pellegrino classe ’94 ex Hinterreggio (7 reti in cinque partite) nell’intento di portare a casa i 3 punti. Per la Laureanese che si trova ad un punto di distacco dal quinto posto ci sarà la trasferta di Campo Calabro in programma nella giornata di oggi, con i ragazzi di mister Perna alla ricerca di una vittoria che manca da un’po di tempo. Trasferta insidiosa per il ritrovato San Ferdinando che dopo la vittoria sulla Campese S. Roberto, vuole tentare il bis ad Africo. Infine per l’ “irriconoscibile” Real Gioia ci sarà la gara casalinga contro la Bianchese, con i rossoblù che sperano di centrare la vittoria in modo da allontanarsi dall’ “inferno” della classifica.

Francesco Tripodi