“Presidente Occhiuto intervenga” – Gli oss idonei di Vibo V rivolgono un ulteriore appello: “Vorremmo lavorare”

76

Riceviamo e pubblichiamo

“Sono passati 2 mesi da quando il commissario della Sanità non che Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha dato mandato all’ aziende ospedaliere e aziende sanitarie provinciali di assumere personale. Chiara e aberrante è la realtà dei nosocomi nostrani. Il piano di ricognizione e riconversione credo sia in atto e ci domandiamo il perché ancora oggi con una graduatoria che per ordine cronologico avrebbe la priorità ad essere assorbita tutta invece sia in un’attesa estenuante. Siamo gli idonei della graduatoria di Vibo V, è dal 2019 che attendiamo una convocazione a tempo indeterminato, dall’ amministrazione le comunicazioni sono chiare, Vibo deve rendere noto il suo fabbisogno per il 2022 ma le chiamate si attestano tra le 15 e le 20 unità; però già da prima la graduatoria a sua volta è stata messa a disposizione per le altre aziende sanitarie calabresi dall’ Asp di Cosenza a quella di Crotone, da Asp Catanzaro ad Ao Pugliese Ciaccio e Ao Materdomini la quale con una legge regionale è stata accorpata alla Pugliese Ciaccio ed infine sulla provincia di Reggio Calabria con la sua Asp e il Gom (Grande Ospedale Metropolitano).L’ Asp Cosenza ha pubblicato con delibera del Commissario straordinario n 443 del 02/03/2022 il fabbisogno di 130 operatori socio sanitari, possiamo anche osservare che in questo biennio post pandemia le difficoltà non sono mancate quindi le delibere hanno fatto fronte all’ emergenza ma la carenza abnorme che la Sanità Calabrese si porta da decenni non ha mai avuto un risvolto positivo se non ora quando? Far diventare realtà un’ordinaria amministrazione, servizi sanitari rivolti alla comunità ,Il fondo pnrr è disponibile, è solo da attuare se si prevedono le riaperture in tutte e 5 le province di nosocomi chiusi come Cariati(Cs) che è stato riconvertito come Covid e successivamente Trebisacce, Praia a Mare e continuando con le altre province calabresi. Saranno necessarie molte figure sanitarie partendo dalle nostre, gli o.s.s che rappresentano la base dell’assistenza ospedaliera e quant’ altro, moduli che vanno da 10 a 20 posti letto dove si riqualificheranno i presidi chiusi in ospedale di comunità o casa della salute e c’è una lista ben precisa che nei mesi passati è stata analizzata in Regione e dovrà attuarsi nei mesi a venire, dovrà essere proprio una rivoluzione sanitaria dopo anni di buio mi auguro che un progetto per la nostra terra si consolidi e per noi finalmente si riapra la strada di casa. Credo che non cerchiamo niente di particolare solo poter lavorare vicino ai nostri cari vorremmo vedere la Calabria non terra di emigrazione, poter essere fieri di contribuire per i nostri conterranei specialmente quando si parla di “Salute”.

Giuseppe Ierace O.s.s

Articolo precedente Fa retromarcia con auto – nonno investe nipotino di 2 anni
Articolo successivoDetenuto si suicida nel carcere di Castrovillari