Ndrangheta, nel 2013 confiscati e sequestrati beni per quasi 800 milioni di euro

Nel bilancio annuale del lavoro svolto dal Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, con la dipendente Sezione Operativa di Catanzaro, in merito all’anno 2013, emergono dati impressionanti circa il valore dei beni sottratti alla ndrangheta. Sono stati infatti sequestrati beni mobili, immobili, aziendali, quote e capitali societari, autoveicoli per un valore di oltre 630 milioni di euro e confiscati beni per oltre 159 milioni di euro.

Nel corso dell’anno, spiega in una nota la Dia, sono state arrestate 6 persone indiziate, a vario titolo, di appartenenza alla ‘ndrangheta nelle sue varie articolazioni territoriali e/o responsabili di altri delitti. “Al fine di prevenire e reprimere le infiltrazioni criminali nel settore degli appalti pubblici – sottolinea la nota – altro obiettivo della Dia, di concerto con le Prefetture delle province di Reggio Calabria, Catanzaro, Crotone e Cosenza sono stati effettuati 21 accessi ai cantieri sul territorio regionale e monitorate oltre 150 imprese”.