Rosarno, cambia il regolamento per l’esposizione delle merci

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi questa mattina presso il Palazzo Comunale il comandante della Polizia municipale Angelo D’Ascola ha illustrato la modifica dell’articolo dieci del regolamento di Polizia Urbana riguardante l’occupazione del suolo pubblico per esposizione derrate e la successiva  entrata in vigore, che non poche polemiche ha suscitato nei giorni scorsi tra i commercianti di Rosarno. Sostiene il comandante  che i titolari di esercizi commerciali erano all’oscuro dell’esistenza di un regolamento approvato con delibera di consiglio comunale nel 2000 e rettificato nel 2001, in vigore da quindici anni, che vietava l’esposizione delle merci all’esterno e pertanto  l’applicazione del suddetto regolamento ha  suscitato un incomprensibile sconcerto tra  i titolari  degli esercizi commerciali. A seguito del malcontento dei commercianti, dovuto anche ad un lamentato calo delle vendite causato dalla mancata esposizione della merce, il Commissario prefettizio dott. Filippo Romano ha incontrato gli interessati e, ritenendo di andare incontro alle loro esigenze, di concerto con la segretaria comunale Maria Alati, con il dirigente comunale Raffaele Naso ed il comandante D’Ascola,  hanno  modificato l’articolo dieci  rendendolo più aderente alle esigenze dei commercianti. Il regolamento mai osservato era mirato a vietare l’esposizione di derrate in quanto in violazione delle norme igienico sanitarie. La modifica attuata, invece, prevede che l’occupazione connessa alle derrate sia disciplinata dalle normative igienico sanitarie con divieto di esposizione di merci gocciolanti, o al sole, all’acqua .Gli esercenti saranno onerati al pagamento della relativa tassa secondo le tariffe della Copas  e, potranno occupare il suolo solamente con dei limiti imposti.